MUFFA SUI MURI: COME ELIMINARLA? – 1


Problemi di muffa

Spero proprio che il vostro problema di muffa non assomigli neanche lontanamente a quello della foto.  Comunque in questa sezione desidero affrontare dettagliatamente il problema della muffa alle pareti e come risolverlo definitivamente. Quello che vediamo nella foto è un caso limite, di muffa dovuta all’umidità provocata da un’infiltrazione di acqua dall’alto, e trascurata per molto tempo. Mi rifiuto di pensare che qualcuno di voi abbia una casa ridotta in queste condizioni. Ma se così fosse, non rimane altro da fare che rivolgersi a un’impresa specializzata per sistemare il tutto. Ma rimaniamo nella normalità degli appartamenti.

LA MUFFA: COME SI FORMA?

L’ambiente più favorevole al formarsi delle muffe è certamente l’eccesso di umidità presente nell’ambiente e una scarsa ventilazione d’aria. La muffa alle pareti è una vera e propria malattia dei muri, è come un cancro che si installe sulle pareti e le corrode dall’esterno verso l’interno. La muffa è composta da microrganismi viventi come batteri e spore, che continuano a proliferare a colonie sui muri “mangiandosi” letteralmente prima le pitture esterne e poi l’intonaco. Infatti le muffe si manifestano prima con piccoli puntini neri, poi questi puntini diventano delle macchie scure compatte, poi segue lo sfarinamento e lo sfogliamento delle pitture e degli intonaci.

CHE FARE CON LA MUFFA ALLE PARETI?

La muffa che si forma sulle pareti interne degli appartamenti è un problema veramente grosso che va affrontato immediatamente, senza rimandarlo di un solo giorno. Non fate assolutamente l’errore di considerare la muffa soltanto una fastidiosa ed antiestetica macchia nera, con la quale si può convivere, e perciò rimandare il problema a Primavera. Perchè una volta che la muffa ha attecchito sui muri, vuol dire che abbiamo un problema veramente grosso. Dopo questo preambolo, la domanda sorge spontanea:

“COSA FARE PER ELIMINARE PER SEMPRE LA MUFFA SUI MURI”?

Vi dico subito che non esistono prodotti miracolosi sul mercato: non illudetevi che esista un prodotto che elimina la muffa e non la fa più ritornare. Ogni caso è diverso da un’altro. Ma è anche vero che la muffa si può combattere, bloccare, ritardare, e anche eliminare per sempre. Soltanto bisogna considerare che non esiste una bacchetta magica. Ribadendo il concetto che ogni caso di muffa è diverso da un’altro, io in questa serie di articoli vi rivelerò tutto quello che bisogna fare per eliminare la muffa definitivamente e per sempre. Certo i tempi potranno essere diversi da un caso all’altro, ma per tutti c’è una soluzione. Il problema della muffa non va considerato come un’unica battaglia da vincere una volta per tutte, ma come una guerra composta da diverse piccole battaglie. Questo è l’atteggiamento giusto per eliminare le muffe.

IDROPITTURE ANTIMUFFA

In questo caso la scelta è molto ampia visto che esistono rimedi diversi a seconda del problema. Ad esempio la muffa formatasi da un eccesso di condensa ed umidità sarà coperta (dopo apposito trattamento) da un’idropittura TermoIsolante anticondensa. Se invece si tratta di muffa formatasi per scarsa ventilazione o perchè non è stata rimossa quando era un piccolo focolaio si tratterà la parete con delle idropitture additivate con speciali trattamenti antimuffa.

 

Questo è solo un assaggio di quello che troverete nei prossimi articoli sulla muffa dove spiegheremo dettagliatamente con procedere alla rimozione della muffa e poi sanificare la parete con il prodotto giusto. Infine abbiamo recensito singolarmente i prodotti più efficaci per rimuovere e tinteggiare su muri con muffa. A seguire in basso i link degli articoli.

COME ELIMINARE LA MUFFA DAI MURI -  TUTTI GLI ARTICOLI

COME ELIMINARE LA MUFFA DAI MURI – CAUSE , PREVENZIONE e TRATTAMENTO

COME ELIMINARE LA MUFFA DAI MURI – IMBIANCARE I MURI

COME ELIMINARE LA MUFFA DAI MURI – PROCEDURE in caso di SUPPORTO DETERIORATO

Questo articolo è offerto da COLORIFICIO-ONLINE.IT, il nostro portale di Edilizia online, non mancate di visitarlo

IL NOSTRO SHOP ONLINE

About these ads

47 Risposte to “MUFFA SUI MURI: COME ELIMINARLA? – 1”

  1. Anonimo Says:

    salve,vorrei sapere se esiste un prodotto che si puo’spruzzare periodicamente su un muro non bianco ma colorato di marroncino che sia in grado di bloccare o almeno ritardare la muffa che vi si e’formata poiche’per adesso non posso ripitturare le pareti.(premetto che la muffa formata su questo muro colorato non e’nera ma fa piccoli puntini giallastri e verdasrti.per adesso non e’grave ma vorrei bloccare l’espandersi di questo fenomeno.

  2. Marjie Says:

    Grazie emi,
    Ho studiato molto il problema ed ero giunta alla conclusione che le soluzioni serie sono tutte complicate o costose o tutt’e due (ma tutte godono di della dettrazione): o come dici tu (togliere e rifare l’intonaco interno e la pittura con prodotti respirabili a calce, forse aggiungendo isolamento respirabile) , o con il capotto esterno (con materiali respirabili, perche altrimenti rischi di tappare di piu’ senza riuscire, con tutta quella spesa, a rimediare del tutto i ponti termici), oppure installare le macchine (singole) di ventilazione a recupero di calore, soluzione costosa ma facile. Per ora proviamo con un paio di queste macchine, marca buona tedesca, da installare direttamente sul muro periferico dall’interno, nelle camere. Semmai a cambiare intonaco interno facciamo piu’ in la’. Ho concluso che la pittura termica qualcosa fa (forse un grado di temperatura?), potrebbe fare la differenza in alcune situazioni. Meglio armarsi di un termometro laser (in vendita su Amazon) per capire meglio dove puo’ essere utile, non credo proprio che la pittura termica (ecc., tuto quel sistema , insomma) possa risolvere da sola dove hai punti di 13 gradi su muri interni per via di ponti termici! Intanto abbiamo migliorato molto la situazione quest’anno, nonostante l’inverno piovoso (e bucato steso spesso in casa, se no, dove, se pioveva di continuo?), aprendo spessissimo ma per solo 2 minuti per volta per non raffreddare i muri, e tenendo la casa costantemente piu’ calda (manopola della caldaia messa al minimo e termostato su i 20 gradi).

  3. emi Says:

    Quanti suggerimenti sbagliati che ho letto, tutti questi prodottti antimuffa ridicoli non servono a nulla , dopo un po’ di tempo la muffa si ripresenterà regolarmente…..alcuni suggerimenti sono veramente terribili come il voler usare dei prodotti coprenti non traspiranti che isolano la la muffa e la lasciano libera di espandersi all’interno del muro….l’unico effetto è che continuerà a danneggiare il muro e si spostera’ subito vicino alla zona isolata.
    L’unico modo per risolvere definitivamente è chiamare una impresa o un buon manovale e fare eliminare il vecchio intonaco…..poi far rifare l’intonaco della parte problematica con intonaci traspiranti a base di calce tipo quelli della Kerakoll o della MGN con calce e cocciopesto.
    Dopodiche si pitturerà con grassello di calce bianco o colorato con pigmenti per assicurare sempre la catena di trasiprabilità……si puo fare o la parte interessata , ma meglio tutta la parete.
    E poi FINE PER SEMPRE di tutti i problemi di umidità di risalita e muffe.
    Tutti gli interventi che avete descritto sopra sono come dare un aspirina ad un malato di AIDS.
    Studiate bene l’argomento calce e le sue proprietà e avrete risolto tutti i problemi……i prodotti antimuffa che avete descritto sono per i Gonzi ma sopratutto per le ditte che livendono che speculano sull’ignoranza della gente.
    Saluti a tutti .

  4. elvio Says:

    Mi permetto di segnalare che oggi esiste un prodotto fantastico contro le muffe con delle caratteristiche molto interessanti.
    Non è tossico, non maleodora, non macchia e soprattutto è totalmente biodegradabile Il prodotto si chiama igrodry per visualizzarne le caratteristiche vedere il sito igrodry.com

  5. Sebastiano Tringali Says:

    ELIO Dice:
    13 giugno 2013 alle 08:50
    Ciao , io mi chiamo Elio, anch’io ho un problema in casa, solo una domanda , se la muffa e’ provocata da un batterio,
    non sarebbe meglio disinfettare con una vaporella a 100 gradi prima di passare e asportare con candeggina come si legge e che consigliano tutti gli esperti in materia ??? grazie.
    *******************************************
    La muffa è una spora, cioè un micro-organismo vivente che ha vita in ambiente umido. Ci sono i prodotti disinfettanti, tipo il Vip Sanifix, ma la cosa più importante è prevenire le cause principali della muffa, cioè scarsa areazione e le pareti fredde che creano condensa. Ciao.

  6. ELIO Says:

    Ciao , io mi chiamo Elio,
    anch’io ho un problema in casa,
    solo una domanda ,
    se la muffa e’ provocata da un batterio,
    non sarebbe meglio disinfettare con una vaporella a 100 gradi
    prima di passare e asportare con candeggina come si legge e che consigliano tutti gli esperti in materia ???
    grazie

  7. Sebastiano Tringali Says:

    @ Giò,
    Premesso che in molti, anche in case nuove, hanno manifestato improvvisamente il problema della muffa.
    Un motivo è stato l’istallazione dei serramenti in alluminio che impediscono anche il minimo passaggio d’aria.
    Un’altro motivo può essere il mettere le biancheria ad asciugare con gli stendibiancheria nelle stanze, d’inverno.
    Altro ancora un’insufficiente circolazione d’aria, sempre d’inverno.
    Ed in ultimo, visto che sta succedendo a tanti che non avevano mai avuto muffa, può essere dovuto alle stagioni fredde più lunghe e piovviginose. Ciao.

  8. Giò Says:

    Ciao e grazie tante per questi consigli, provvederò subito a fare i trattamenti, ma se potete toglietemi una curiosità! Ho acquistato la mia casa da ormai 5 anni ed era in pessime condizioni di manutenzione ma non aveva ombra di muffa. Questo disastro è iniziato senza apparente motivo solo due anni fa. Potete fare un’ipotesi di che cosa possa essere successo. Sappiate che la muffa è su tutte le pareti esterne esposte a nord, ma non disprezza nemmeno gli angoli delle altre stanze. Grazie mille. Giò

  9. Sebastiano Tringali Says:

    Alice Dice:
    30 aprile 2013 alle 20:49
    Mi chiamo Alice , ho un grandissimo problema di muffa ho la muffa sui muri delle camere al piano di sopra e negli armadi dei vestiti che si sono intaccati di muffa , c e una forte puzza e io soffro di asma cronica non riesco a stare qui dentro … Aiutatemi cosa posso fare ho la muffa nel materasso , sulle doghe del letto , nei mobili , sul divano … Ovunque guardi c e … Nn so piu come fare sono davvero disperata . Chi posso chiamare x farmi sanificare la casa da cima a fondo anche negli armadi ??? Grazie.
    ************************************************************
    @ Alice,
    Il problema che descrivi è molto grave. Dalla tua descrizione mi pare di dedurre che la casa sia rimasta chiusa per lungo tempo, perchè la prima causa della muffa è la mancanza d’areazione ed ambienti umidi. Quello che c’è da fare subito è sicuramente cominciare a fare una pulizia sommaria di base, mentre ci avviciniamo alla bella stagione. Una pulizia generale a base di candeggina per ripulire il tutto, ed arieggiare abbondantemente la casa. La muffa non va mai spolverata, ma come trattamento iniziale va anche bene stracci inumiditi in una soluzione di candeggina mista ad acqua. Dopo dovresti far trattare i muri con il ciclo Antimuffa Thermoisolante ed i mobili lavarli con una soluzione mufficida.

    Per la ditta da chiamare per i lavori non siamo in grado di indicartene qualcuna di nostra fiducia, anche perchè noi siamo a Pioltello-Milano, ad abbiamo un punto vendita dove vendiamo questi prodotti al dettaglio ed online tramite spedizione. Quello che mi sento di consigliarti è di rivolgerti ad un professionista di tua fiducia, magari mostrale i nostri articoli su internet ed i nostri prodotti antimuffa, poi sarà il tecnico dopo un sopralluogo sul posto a decidere a suo giudizio come affrontare la situazione.

    Io sono a disposizione per fornire eventualmente ulteriori informazioni e chiarimenti sull’uso dei nostri prodotti antimuffa. Ciao, Sebastiano.

  10. Alice Says:

    Mi chiamo Alice , ho un grandissimo problema di muffa ho la muffa sui muri delle camere al piano di sopra e negli armadi dei vestiti che si sono intaccati di muffa , c e una forte puzza e io soffro di asma cronica non riesco a stare qui dentro … Aiutatemi cosa posso fare ho la muffa nel materasso , sulle doghe del letto , nei mobili , sul divano … Ovunque guardi c e … Nn so piu come fare sono davvero disperata . Chi posso chiamare x farmi sanificare la casa da cima a fondo anche negli armadi ??? Grazie

  11. Sebastiano Tringali Says:

    Ornella Dice:
    10 marzo 2013 alle 11:19
    Ciao, anche io ho il problema della muffa in camera dietro il letto e i comodini e attorno alle finestre, ho letto tutto il procedimento su come sconfiggerla ma dovendo arrangiarmi da sola volevo sapere se è un lavoro a portata di tutti o se ci vuole qualcuno del mestiere .Se si può fare da soli mi spiegate bene anche le dosi e quello che c’è da sapere? Grazie mille, Ornella.
    **************************************************
    Se nel passato hai provato a dipingere una stanza, e quindi hai dimistichezza con rullo e pennello, non ci sono particolari difficoltà. Dipende dalla tua esperienza passata, è la stessa cosa che dipingere una parete. Soltanto che invece di usare una pittura normale, devi usare una pittura Anticondensa Termoisolante, che nella pratica non comporta nessuna differenza.
    L’importante è trattare direttamente la muffa con un prodotto disinfettante tipo Vip Sanifix o MuffaKO, secondo l’intensità della muffa. L’importante è fare asciugare bene le pareti tra una passata e l’altra. Se la muffa riguarda una parete esposta all’esterno, è consigliabile trattare tutta la parete fredda con due passate di Kalorfix, e dopo con due passate di pittura Termoisolante AtriaTermika. Riguardo la quantità di prodotto tieni presente che il MuffaKO rende 8 mq/litro con una passata, il Kalorfix rende 10 mq/litro per passata, e l’AtraTermika rende 8 mq/litro per passata. Di questi prodotti vanno sempre fatte due passate. Il MuffaKO va messo soltanto nelle parti interessate dalla muffa, allargandosi di circa 30 cm. dove finisce la muffa. Il Kalorfix invece deve essere passato su tutte le pareti fredde esposte all’esterno. L’AtriaTermica è preferibile passarla in tutta la stanza, con due passate. Volendo risparmiare qualcosa si può passare la pittura AtriaTermika solo sulle pareti fredde interessate. Per altri consigli chiedi pure. Ciao.

  12. Ornella Says:

    Ciao, anche io ho il problema della muffa in camera dietro il letto e i comodini e attorno alle finestre ho letto tutto ilprocedimento su come sconfiggerla ma dovendo arrangiarmi da sola volevo sapere se è un lavoro a portata di tutti o se ci vuole qualcuno del mestiere .Se si può fare da soli mi spiegate bene anche le dosi e quello che cè da sapere? Grazie mille Ornella

  13. Sebastiano Tringali Says:

    Giuseppe Dice:
    31 gennaio 2013 alle 18:18 modifica
    Ciao pure io ho il problema della muffa in casa dovuta alla condensa, vorrei sapere:
    1) Una volta messo il fissativo Termoisolante KALORFIX cosa usare per fare il colore desiderato se pitturo Termoisolante AtriaThermika?
    2) E dove posso acquistarli?

    Grazie anticipatamente resto in attesa di notizie.
    *********************************************************************

    1) Puoi colorare la pittura Termoisolante AtriaThermika con i comuni flaconcini di colorante universale per idropitture.

    2) Puoi acquistare questi prodotti online nel nostro sito dedicato:
    http://www.colorificio-online.it/

  14. Giuseppe Says:

    Ciao pure io ho il problema della muffa in casa dovuta alla condesa, vorrei sapere:
    1) Una volta messo il fissativo Termoisolante KALORFIX cosa usare per fare il colore desiderato se pitturo Termoisolante AtriaThermika?
    2) E dove posso acquistarli?

    Grazie anticipatamente resto in attesa di notizie.

  15. Sebastiano Tringali Says:

    @ Michela,
    Con lo smuffer e spruzzini vari compresa la candeggina fai una semplice pulitam ma non elimini le cause della muffa che potrebbero dipendere da muri freddi esposti a nord.
    Invece riguardo alle pitture termiche che hai usato nel 201o, potresti descrivere il tipo di pitture ed il procedimento usato?

  16. michela Says:

    buongiorno anche io combatto da 7 anni con la muffa nelle stanze della mia casa ,premetto che la casa e’ di nuova costruzione ha 7 anni e gia’ dal primo inverno passato in quella casa e’ sbucata subito la muffa , trattata altrettanto infretta con lo smuffer ,il problema si e’ verificato tutti gli anni anche quando nel 2010 abbiato rippitturato tutta la casa con pitture termiche , avendo ripulito prima tutte le stanze dalla muffa , la casa e’ abbastanza arieggiata ,la mattina quando usciamo da casa lasciamo aperte diverse finestre per fare girare l aria nelle stanze , oltretutto le stanze ( apparte ) la stanza da letto sono tutte soleggiate , quindi non riesco a capire come possa formarsi in continuazione questa maledetta muffa , chi mi puo’ aiutare ? grazie

  17. Sebastiano Tringali Says:

    laura Dice:
    20 gennaio 2013 alle 08:59 modifica
    Ciao a tutti, anche io ho un problema di muffa, nella stanza dei bambini nel muro esterno si e’ formata una grande macchia verde guardando un po’ in giro mi sono accorta che anche sui letti le reti con le doghe in legno erano ricoperti di muffa sono veramente disperata anche perche’ anche in camera mia con annesso una cabina armadio a giorno qualche vestito che non usavo da un po’ e’ stato ricoperto di macchie verdastre e un cattivo odore disgustoso,aiuto cosa devo fare?
    ************************************************
    Il procedimento è sempre quello sopra esposto. I muri freddi che producono prima condensa e poi muffa vanno isolati termicamente con una pittura Termoisolante tipo l’AtriaTermica, dopo aver sterilizzato il muro ammuffito con uno dei prodotti antimuffa. Bisogna trattare almeno tutte le pareti fredde, se la stanza non è molto grande (entro una superficie massima di 16 mq di pavimento conviene ridipingere tutta la stanza con due passate di pittura termoisolante). Anche il retro degli armadi vanno trattati con un prodotto antimuffa sterilizzante. Troverai tutti i link e gli articoli che parlano di un problema simile al tuo proprio in questo stesso articolo. Il tuo problema è facilmente risolvibile isolando termicamente i muri con la pittura Termoisolante, che equivale ad una normale imbiancatura, leggermente più costosa. Tieni presente che un lattone di 13 litri di AtriTermica costa ad oggi € 145.00. Per sapere tutto clicca su questo link e troverai tutti gli articoli al riguardo. Ciao..
    COME ELIMINARE LA MUFFA DAI MURI – TUTTI GLI ARTICOLI

  18. laura Says:

    Ciao a tutti, anche io ho un problema di muffa, nella stanza dei bambini nel muro esterno si e’ formata una grande macchia verde guardando un po’ in giro mi sono accorta che anche sui letti le reti con le doghe in legno erano ricoperti di muffa sono veramente disperata anche perche’ anche in camera mia con annesso una cabina armadio a giorno qualche vestito che non usavo da un po’ e’ stato ricoperto di macchie verdastre e un cattivo odore disgustoso,aiuto cosa devo fare?

  19. Marjie Says:

    Grazie mille per la risposta tempestiva. Prima di procedere, voglio vedere se riesco a trovare informazioni independenti che mi rassicurano che la pittura termica con microsfere di ceramica possa essere una soluzione permanente al problema della condensazione dovuto ai ponti termici. Sarebbe tanto più semplice che aggiungere cappotto interno o esterno.

  20. Sebastiano Tringali Says:

    @ Marjie,
    Il tuo progetto antimuffa e di isolamento termico va bene. Rispondo alle tue domande:

    1. Due mani di Muffa KO sulle parti muffate (che però sono già state lavate) e intorno. VA BENE.
    2. Poi due mani di Kalorfix, e poi due mani di Thermoplus oppure Atriathermica. VA BENE:
    3. Il Kalorfix va applicato per tutta la stanza o basta solo sul muro esterno. BASTA SUL MURO ESTERNO:
    4. e poi magari ad una certa distanza? (Si vedrebbe differenza di superficie una volta pitturata se non mettiamo il Kalorfix dappertutto?) . L’importante è mettere il Kalorfix nella parete esterna completa, cioè da angolo ad angolo, senza lasciare parti non isolate.
    5. Poi, se scegliamo un colore molto simile a quello che abbiamo già (giallo medio-chiaro), può bastare una mano solo di Thermoplus o Atriathermica sui muri interno nei punti lontano dai muri esterni? Potrebbe bastare ai fini della colorazione, ma per ottenere un isolamento termico che garantisca la scomparsa dei ponti termici ed una temperatura uniforme nella stanza sono necessarie due passate di pittura termoisolante. Tieni presente che per 50 mq una scatola di AtriaTermika da 13 litri è sufficiente a completare il lavoro. Mentre il Thermoplus è di 10 litri e potresti avere difficoltà a completare il lavoro.
    Riguardo i colori, tieni presente che ogni colore comporterà per forza uno spreco. Ti consiglio di dare le due passate di colore sempre col colore (Non prima il neutro e poi il colore) per evitare di fare delle striature più chiare ed un colore non perfettamente uniforme.
    14. Altra domanda: nella camera ci sono molti libri, e quindi forse sono annidate spore delle muffe. Va benissimo il MUFFA KO.
    Ciao, Sebastiano.

  21. Marjie Says:

    Salve. Abbiamo il problema di formazione di muffa sulle parti superiori del muro esterno della camera da letto di nostra figlia, dovuto ad una combinazione di cattiva coibentazione del muro esterno e insufficiente ventilazione. La superficie totale della camera (muri + soffitto –porte e finestra) è circa 50 mq. La camera avanza dal resto della casa per circa 1,5 m e quindi la muffa si estende un po’ anche ai muri di lato dove questi sono esterni, e un pochino sul soffitto adiacente. Nel resto della stanza i muri sono sani.
    Avendo studiato le varie soluzioni sul sito, avrei pensato di intervenire così: Due mani di Muffa KO sulle parte muffate (che però sono già state lavate) e intorno. Poi due mani di Kalorfix, e poi due mani di Thermoplus oppure Atriathermica. Avrei quindi le seguenti domande: Il Kalorfix va applicato per tutta la stanza o basta solo sul muro esterno e poi magari ad una certa distanza? (Si vedrebbe differenza di superficie una volta pitturata se non mettiamo il Kalorfix dappertutto?) Poi, se scegliamo un colore molto simile a quello che abbiamo già (giallo medio-chiaro), può bastare una mano solo di Thermoplus o Atriathermica sui muri interno nei punti lontano dai muri esterni? Chiedo soprattutto per capire se una confezione di Thermoplus da 10 l potrebbe bastare in quel caso per tutta la stanza, in modo di non spreccare soldi e pittura. Oppure in alternativa, se è proprio necessario due mani, se possiamo dare prima una mano di colore neutro e poi giallo, in modo di usare il neutro (e poi una mano di azzurro) anche in un’’altra stanza. Con questa soluzione potremmo coprire i soffitti di tutt’e due le stanze del colore neutro.
    Altra domanda: nella camera ci sono molti libri, e quindi forse sono annidate spore delle muffe. E’ il caso di usare i prodotti Vitalprotect anziché Muffa KO? Non vedo segni di crescita di muffa tranne sul muro esterno (teniamo una la piccola libreria staccata da essa). Grazie delle informazioni.

  22. Sebastiano Tringali Says:

    @ Daniela,
    Puoi darla soltanto sui muri che sono rivolti all’esterno e sul soffitto. Bisognerebbe pero tinteggiare almeno oltre 50 cm. dagli angoli di pareti e soffitto. Se puoi fare tutta la stanza hai un isolamento omogeneo, ma non è indispensabile. Ciao, Sebastiano.

  23. Daniela Says:

    Grazie Sebastiano. Ho letto quello che riguarda Atriatermika nel link che mi hai dato e volevo chiederti una cosa: posso dare questa pittura solo sui muri che danno verso l’esterno e sul soffitto o è assolutamente necessario darla anche sui muri interni? Grazie

  24. Sebastiano Tringali Says:

    @ Daniela,
    Sulla pittura termica bisogna tinteggiare sempre con una pittura termica, per non perdere l’isolamento guadagnato. Nel tuo caso puoi usare la pittura termica Atriahermica con microsfere in ceramica, che è una evoluzione di quella con microsfere di vetro, ed ha anche un isolamento superiore. Nel tuo caso potresti passare il disinfettante Vip, e poi dare due passate di pittura Termoisolante AtriaThermica con microsfere di ceramica. Non capisco perche vuoi aspettare in primavera invece di risolvere il problema subito, visto che il tempo è ancora bello. Dare solo il disinfettante Vip senza mettere a seguire la pittura termica è un palliativo inutile, perchè non interviene sulle cause del problema, cioè le pareti fredde. Ti do il link per le pitture termiche:

    http://edilbrico.wordpress.com/2010/05/09/pittura-termoceramica-termoisolante-anticondensa-antimuffa-risparmio-energetico-atriathermika/

    Ciao, Sebastiano.

  25. Daniela Says:

    Ciao volevo un parere su cosa fare con la muffa che ritorna. Tre anni fa ho fatto dare la pittura termica (con microsfere di vetro) su tutti i muri che danno all’esterno e sui soffitti e appena viene l’autunno comincio ad usare il deumidificatore, però la muffa ricompare sugli spigoli in alto e attorno alle finestre e porte-finestre. Gli imbianchini, a suo tempo, mi avevano detto che una volta data la termica bisogna sempre usare quella. Io vorrei acquistare e usare subito il disinfettante VIP che c’è in vendita nel sito e poi, in un secondo tempo (diciamo a primavera) una delle pitture che ho visto e che mi sembrano interessanti. Però non mi pare che siano termiche e volevo sapere se posso usarle ugualmente. E il disinfettante posso usarlo in qualsiasi momento? Grazie

  26. Sebastiano Tringali Says:

    @ Michele,
    Le tue deduzioni sono troppo semplicistiche. Infatti è vero che se ti limiti a pulire la muffa con un Toglimuffa te la ritroverai dopo poco tempo. Ma noi non consigliamo questo metodo. Il ciclo completo è quello che ti garantisce l’abolizione della muffa perchè non si limita solo a pulirla. Se hai letto bene i commenti avrai potuto leggere che consigliamo il ciclo completo per le pareti fredde, esposte all’esterno. Provo a ripeterlo.

    1. Disinfettazione della muffa con uno dei prodotti Tipo Toglimuffa della Casati o il Disinfettante della VIP. Per i casi più difficili si consigliano due passate di MUFFA KO.

    2. Trattamento delle pareti fredde con due passate di fissativo Termoisolante KALORFIX, che da solo isola la parete di 2/3 gradi.

    3. Finitura con almeno due passate di idropittura Termoisolante AtriaTermika con microsfere di ceramica, oppure la corrispondente tedesca Thermoshield, e con le quali si ottiene un ulteriore isolamento termico di 4/5 gradi..

    Questo è il ciclo completo, e funziona perfettamente. Infatti se provi a toccare una parete fredda dopo averla trattata con questo ciclo ti accorgerai che ti sembrerà di toccare una parete rivestita di sughero. Questo impedirà la formazione sui muri dell’umidità di condensa e la consequenziale formazione di muffa. Poi logicamente tu sei padronissimo di scegliere la soluzione che più ti piace. Ciao, Sebastiano.

  27. Michele Says:

    Ciao sono Michele. Ho letto i vari commenti sulle muffe e devo dire che gli stessi problemi li ho anch’io a casa mia sulle pareti che danno verso l’esterno. Il problema si presenta soltanto d’inverno e la causa e’ da ricercare sul mancato e non corretto ricircolo d’aria e troppa umidita’ nell’ambiente. Ogni liquido o prodotto togli muffa risolvera’ solo momentaneamente il problema. E’ solo un problema di umidita’ che posandosi sulle pareti fredde crea le fastidiose muffe. Ed e’ per questo che ho predisposto una ristrutturazione dell’appartamento che preveda un ricircolo forzato dell’aria che mantenga una adeguata umidita’ dell’aria in funzione della temperatura interna ed esterna. Sono sicuro che questo sia l’unico sistema valido ma aime’ anche piu costoso. Ciao a tutti

  28. Sebastiano Tringali Says:

    @ Lucia,
    La soluzione c’è, non è dispendiosa ed alla portata di un semplice fai da te.
    Il ciclo consigliato è questo:

    1.- Trattare con il toglimuffa Casati le parti dove è affiorata la muffa, logicamente trattando anche le zone limitrofe. Il trattamento consiste in una passata carica col pennello del Toglimuffa sulle zone colpite dalla muffa.. Il Toglimuffa Casati va allungato fino ad una massimo del 100%, cioè un litro di acqua per un litro di prodotto.

    2.- Il giorno dopo puoi dipingere la stanza con la pittura Termoisolante AtriaTermika. Prendi una tolla da 13 litri, la diluisci al 10%, cioè 1.3 litro . Quindi dai almeno due passate col rullo o col pennello, come preferisci. Praticamente come si esegue una normale imbiancatura. Se ti rimane della pittura, consumala tutta, fai una terza passata sulle pareti più fredde e sugli angoli. Volendo questa pittura la puoi colorare come si colorano le normali idropitture, cioè con i flaconcini di coloranti universali. Non puoi sovradipingerla con una pittura normale perchè perderebbe gran parte del suo isolamento termico.

    Tutto qui, è come fare una normale tinteggiatura, nè più nè meno. Per la spesa tieni conto che la pittura AtriaTermika costa € 145.00, mentre il Toglimuffa Casati da un litro costa € 10.00.
    Con questo lavoro hai risolto il problema della muffa e delle pareti fredde. Ciao, Sebastiano.

  29. Lucia Says:

    Salve, sto lottando da qualche tempo con la muffa che si crea nella stanza dove teniamo il computer.
    Ha iniziato a formarsi negli angoli superiori della stanza e ora sta “scendendo” in tutto l’angolo della parete dietro il pc.
    Questa stanza è sempre all’ombra (solo in estate riceve un po’ di sole…)e quindi la parete rivolta all’esterno è sempre fredda, quasi gelata.
    Non abbiamo problemi di condensa sui vetri ma,avendo una bimba piccola che a volte gioca in questo studiolo,vorremmo intervenire in modo efficace e, viste le tante spese, non eccessivamente dispendioso.
    E magari anche in modo facile, visto che ce ne occuperemo noi, senza l’ausilio di tecnici..
    Grazie mille per i consigli che ci dare!

  30. Anonimo Says:

    Grazie mille x il consiglio…

  31. Sebastiano Tringali Says:

    Ciao Enrico,
    Si tratta di umidità di risalita. La soluzione c’è ed è abbastanza semplice. Raschiare senza pietà tutte le parti in via di sfaldamento. Pulire per bene il muro ed applicare uno strato di stucco impermeabile OPERLITE, dello spessore di almeno 3 mm. per tutta la parete fino ad un’altezza di cm. 150. Dopo per evitare qualsiasi ritorno di muffa, fai due passate di fissativo termoisolante Kalorfix, e concludi il lavoro con due passate di pittura termoisolante AtriaTermika. Questo è il ciclo completo che ti mette al riparo dall’umidità di risalita e da quella di condensa, che poi sono la causa delle muffe e dello sfaldamento di intonaci e pitture. Ciao, Sebastiano.

  32. Anonimo Says:

    scusa mi chiamo Enrico…

  33. Anonimo Says:

    Salve,chiaramente scrivo per un problema di muffa.ho ristrutturato una casa l’anno scorso.pero’ nella sala(che prima era una stalla con tufo per terra,e in cui e’ stato fatto tutto il necessario isolamento)mi e’ cominciata a salire l’umidita’ fino a 40 cm circa da terra.nel giro di poco e’ cominciato anche a rompersi la pittura e a venire fuori la muffa(fatta no a macchie nere,ma tipo cotone).
    aiutooooo
    grazie

  34. Sebastiano Tringali Says:

    @ Libero,

    Che gli antimuffa sono giustamente dei palliativi che puliscono momentaneamente la muffa ma non risolvono la causa della muffa è già assodato. Nel tua caso l’operazione più semplice e non invasiva è di usare una pittura termoisolante, tipo l’Atriatermika, dopo aver passato un disinfettante antimuffa (tipo il Disinfettante antimuffa VIP). I muri esterni non saranno più freddi, toccandoli avrai l’impressione di averli rivestiti con sughero, e di conseguenza non si formerà più nè la condensa , ne la susseguente muffa. Questa è la soluzione più semplice, definitiva e indolore. Ciao. Sebastiano.

  35. libero Says:

    mi rivolgo per un consiglio…abito in questa casa da 20 anni e non ho mai avuto problemi di muffe fino al giorno che ho deciso di cambiare le finestre in tutta casa. una tragedia ho risolto il problema dei rumori ma è nato quello delle muffe iffuse sopratutto sulle pareti esterne esposte a nord…ho provato con gli antimuffa ma sono dei pagliativi. ho sentito parlare dei sifoni che aiuterebbero questo scambio di aria caldo fredda ,lei me li consiglia ? e come potrei trattare le mie pareti ?

  36. Sebastiano Says:

    Francesco Dice:
    27 febbraio 2011 alle 10:25
    Salve vorrei sapere dove poter acquistare i prodotti.
    Sono di Salerno.
    Avrei anche necessità di sapere come comportarmi, nel senso che ho acquistato da 4 anni una nuova costruzione e in due stanze mi si presentano sintomi di muffa con piccole macchie puntiformi.
    Grazie, Francesco Gravina.
    ****************************************

    Per acquistare i nostri prodotti, esclusivamente sul nostro sito. Spediamo in tutta Italia con un contributo fisso di 8 €, indipendentemente dalla quantità.

    Riguardo la formazione di muffe, e la sua elminazione devi seguire i consigli dati proprio in questo articolo. Cioè trattare le pareti con un liquido Toglimuffa e poi dipingerli con una pittura antimuffa. Per il resto cerca di arieggiare bene le stanze. Se le stanze dove si forma la muffa, sono pareti fredde perchè rivolte all’esterno, allora è consigliabile una pittura Termoisolante che puoi trovare sul nostro sito.Ciao. Sebastiano.

  37. Francesco Says:

    Salve vorrei sapere dove poter acquistare i prodotti.
    Sono di Salerno.
    Avrei anche necessità di sapere come comportarmi, nel senso che ho acquistato da 4 anni una nuova costruzione e in due stanze mi si presentano sintmi di muffa con piccole macchie puntiformi.
    Grazie,

    Francesco Gravina

  38. Sebastiano Says:

    BENEDETTO Dice:
    15 novembre 2010 alle 11:31 modifica
    salve,
    ho un problema di muffa sulla parete, in basso,della stanza da letto, la parete all’esterno viene toccata poco dal sole cosa posso fare???????????
    ***********************************************

    Prima di affrontare il problema muffa cercherei di risalire alla causa della muffa.

    La parete interessata alla muffa si presenta perfettamente asciutta? o ha qualche sensazione di umidità? insieme alla muffa c’è qualche macchia giallastra che indica una perdita di acqua?

    Se non c’è traccia di umidità, e nemmeno di macchie giallastre di umidità, o tracce di pittura che si disgregano o si sfarinano, ma il muro presenta solo tracce di muffa ti consiglio la seguente:
    Una passata di Toglimuffa Casati direttamente sulla muffa (senza prima pulirla).
    Poi l’indomani, passa uno straccio appena umido per rimuovere le tracce delle spore di muffa morte, e quindi completa il lavoro con almeno due passate di Pittura Termoisolante Casati.
    Ciao. Sebastiano.

  39. BENEDETTO Says:

    salve,
    ho un problema di muffa sulla parete, in basso,della stanza da letto, la parete all’esterno viene toccata poco dal sole cosa posso fare???????????

  40. Sebastiano Says:

    @ Lodovico Soldati,
    Lei ha problemi di muffa dovute a parete fredda, rivolta a nord. La candeggina profumata può pulire temporaneamente la muffa, ma non la elimina.

    Noi non facciamo preventivi a mq. perchè noi siamo solo venditori.

    Comunque può risolvere il suo problema trattando il muro prima con il Toglimuffa Permanente Casati, e dopo con l’applicazione di almeno due passate di Pittura Termoisolante Casati per interni.

    Se il problema fosse ancora più grave allora potrebbe intervenire anche sulla parete esterna con due passate di pittura AtriaTermika Termoisolante per Esterni.

    Riguardo i consumi tenga presente che La Casati Termoisolante per interni copre circa 6 mq. con 1 litro per una passata.
    Invece l’AtriaTermika per esterni copre circa 3 mq. per litro con una passata. Saluti. Sebastiano.

  41. lodovico soldati Says:

    interessato vostro consiglio , riguardo rustico ristrutturato.
    Lato sud ok. ,lato est ok. ,lato ovest ok,. lato nord problemi
    pareti sporche , intonaco macchiato, davanzali con righe scure nere. consigliato lavare con candeggina profumata .?
    Consiglio valido .? Potere sapere prezzo m2 per eventuale intervento . Distinti saluti lodovico soldati .

  42. Sebastiano Says:

    Pierpaolo Ferrari Dice:
    18 maggio 2010 alle 07:01
    Ho un problema di muffe, molto diffuse, dovute essenzialmente a condensa, all’ interno di un vano scala di un edificio di 2 piani (solo x la parte fuori terra, questo vano non è riscaldato ed ha una facciata in doppio vetro), desidererei sapere quali interventi dovrei fare per risolvere il problema escludendo però interventi esterni per ragioni estetiche.
    ******************************************

    @ Pierpaolo Ferrari,
    Per il suo problema le consiglio di imbiancare interamente il vano scale interessato dalla muffa con la pittura Anticondensa-Termoisolante AtriaThermika per interni. Si tratta di una idropittura a base di microsfere in ceramica, che offre un isolamento termico superiore alle normali pitture termoisolanti a base di resine di vetro.

    Comunque, almeno due buone passate di AtriaThermika, naturalmente dopo aver trattato il muro con il prodotto Antimuffa Disinfettante della Vip, o il Toglimuffa della Casati.

    Questo è il Link da clikkare per leggere la recensione dell’AtriaThermika,

    Mentre sopra in questo stesso articolo può leggere sul Toglimuffa Casati.
    Ciao.Sebastiano.

  43. Pierpaolo Ferrari Says:

    Ho un problema di muffe, molto diffuse, dovute essenzialmente a condensa, all’ interno di un vano scala di un edificio di 2 piani (solo x la parte fuori terra, questo vano non è riscaldato ed ha una facciata in doppio vetro), desidererei sapere quali interventi dovrei fare per risolvere il problema escludendo però interventi esterni per ragioni estetiche.

  44. Sebastiano Says:

    @ Sara
    Si, hai capito bene.
    Dove c’è la muffa, agisci con toglimuffa , più due o meglio tre passate di pittura anticondensa.

    Nella parete blu, se no ci sono tracce di muffa, quando è asciutta, trattala direttamente con tre passate di pittura termoisolante Anticondensa. Sebastiano.

  45. Sara Says:

    Ciao!
    ho letto con molta attenzione questi 3 articoli sulla muffa sui muri.
    Anch’io a casa ho un problema di questo tipo: sulla parete intorno agli infissi di legno (hanno solo 5 anni, la casa è praticamente nuova) si sta formando la muffa. Se non ho capito male per intervenire subito devo passare il toglimuffa e poi l’idropittura antimuffa, giusto?
    In un’altra stanza, invece, una parete esterna dietro la quale passa il pilastro portante di cemento della palazzina, quando fa particolarmente freddo “piange”, nel senso che si bagna notevolmente.La parete è blu per cui si vede proprio l’acqua.
    Probabilmente si tratta di codensa, ma in questo caso, come mi comporto?premetto che non vi è traccia di muffa, ma appunto per questo avendo i muri bagnati ha senso usare i prodotti anti-muffa o è necessario aspettare che asciughi e usare l’idropittura anti-condensa?
    grazie mille per i consigli che date
    ciao Sara

  46. Sebastiano Says:

    Rispondo a Luciano, invitandolo a porre i quesiti nelle sezioni adatte.
    Caro Luciano, il problema che tu proponi l’ho trattato ampiamente nei tre articoli dedicati alla “Muffa sui muri e come eliminarla”. Quindi ti consiglio di rileggerli.
    Veniamo al tuo caso specifico. Da quello che scrivi si tratta chiaramente di un problema di pareti fredde, cioè di pareti esposte all’esterno, e non isolate perfettamente. Poi anche per i pilastri, stesso discorso, conseguenza di un non perfetto isolamento in fase di costruzione della casa. Passiamo ai rimedi dall’interno della casa, dando per scontato che i muri esterni siano in ordine, nel senso che non presentano crepe nè screpolature di intonaco in qualche punto. Ecco cosa si può fare dall’interno.

    1. Quando comincia a formarsi della muffa alle pareti, non basta prendere atto che c’è la muffa alle pareti, bisogna intervenire con urgenza per impedire che essa si propaghi sempre più. Perciò come primo intervento pulire subito la muffa dai muri con il Toglimuffa Pulirla abbondantemente, impregnandone i muri, magari versando il Toglimuffa in un recipiente, e spargerlo sui muri con una pennellesa, fino a impregnare i muri Dopo qualche ora, quando le pareti sono asciutte, rimuovere i residui di muffa con uno vecchio straccio. Mentre fate questo lavoro di pulizia col Toglimuffa, mi raccomando di areare il locale per non respirare le esalazioni del prodotto, perciò provvedetevi di un paio di guanti di gomma. Adesso le pareto e i pilastri si devono presentare puliti e senza muffe.

    2. Non mi hai detto se la muffa ha dannegiato la pittura o l’intonaco. Se così fosse, sarebbe necessario raschiare le pitture e gli intonaci malfermi, e stuccare quelle parti. Al riguardo puoi leggere nei tre articoli sulla muffa “come stuccare la parete”. Supponiamo che i muri non siano stati danneggiati, allora dai una passata sui muri di liquido antimuffa, anche per questo fai riferimento ai tre articoli scritti sulle muffe sui muri.

    3. Provvediti di una pittura Termoisolante anticondensa, io ho indicato quella della Tassani nei miei articoli, ma quasi tutte le grandi marche producono pitture di questo tipo, ed hanno gli stessi principi, cioè di isolare le pareti fredde. A questo punto dare almeno due passate di pittura termoisolante alla parete ed ai pilastri sottoposti alla muffa. 4-6 ore di intervallo tra una mano all’altra. Adesso se provi a mettere una mano sulla parete trattata con la pittura termoisolante ti accorgerai che non è più fredda come prima, ti da la sensazione come fosse rivestita di polistirolo.

    4. Ultimo passaggio, due passate di una buona pittura antimuffa, specifica antimuffa. Il lavoro finisce qui. Come ho detto soluzioni miracolose non ne esistono, ma se si vuole combattere la muffa, bisogna rimuoverla, non è sufficiente guardarla.

    Quello che abbiamo detto è quello che possiamo fare dall’interno, con il faidate. Perciò arieggiare regolarmente le camere, e nel caso che la muffa dopo un certo periodo tendesse a riaffiorare, rimuoverla subito con un energico lavaggio di candeggiana. Non bisogna permettere alle muffe di fare fissa dimora nelle nostre case.
    Per il momento credo possa bastare. Adesso non hai che da metterti al lavoro. :-) Ciao. Sebastiano.

  47. Sebastiano Says:

    Sposto nella sezione idonea, dove trattiamo i problemi di muffe sui muri, il quesito posto da Luciano.

    Luciano ha scritto:
    12 Febbraio 2009 a 16:32 e

    Ciao io ho un problema a casa, esempio: nella mia camera la parete che sta dove e’ il balcone e’ piena di muffa, poi ce il pilastro trasversale dello scheletro della casa che e’ sempre pieno di muffa ma nn e’ tutto il soffitto ma solo dove si vede il pilastro. e anche agli altri pilastri della casa, a certi punti anche sotto il soffitto. c’e’ qualche rimedio per togliere questa muffa rispondi con dettagli grazie.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 39 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: